Il mio primo nodo alla cravatta


Come sto?

img00069.jpg

la cravatta è un regalo dal Port Autonome di Dunkerque portatoci da Franco qualche mese fa.
E Franco oggi si sposa con Amal :)
Per celebrare l’evento ho pensato di mettere questa cravatta.

Videojug mi ha insegnato come fare.
Ho scelto un Half Windsor Knot, elegante ma non troppo formale.

Mi piace questo look maschile, dovrei portarlo più spesso.

[tags]matrimonio, cravatta, windsor knot, nodo windsor[/tags]



Come sono diventata una blogger?


Cara Fra e Clarita ecco la risposta alle vostre curiosità:

“Mah perchè era un periodo in cui frequentavo un tipo appassionato di cose internettiane, che sapeva fare i siti, passava le ore in chat e icq (come me) e insomma un giorno mi ha parlato dei blog e mi ha intortata per bene. In realtà mi ha convinta più a parole che nei fatti dato che non ho avuto subito il coraggio e le idee\contenuti necessari per creare un blog mio. Ho scritto il primo post su Verbamanent che era allora (2001) un blog collettivo (era un blog?). Ci ho messo una sera a scriverlo, non ero sicura di aver scritto le cose giuste (me lo ricordo vagamente.. segnalavo un sito che conteneva delle ricette tratte da film famosi). Quella sera Antonio con molta pazienza mi spiegò come rendere più interessante quella segnalazione per i lettori del blog. Pillole di saggezza molto utili, che comunque non mi hanno portato molto lontano.

Poco dopo quella esperienza è arrivato il (tentativo non riuscito di) blog universitario su Blogspot, poi (2002) il blog di coppia (durato poco anche lui) e infine una lunga pausa basata essenzialmente su una convinzione: non ho niente da dire (di più di quanto già non abbia scritto nel mio sito personale su digilander)!

Al termine della pausa di disinteresse verso i blog mi è capitato di leggere per caso il blog di un ragazzo che avevo conosciuto mesi prima in chat e che non sentivo da un po’. Era un blog di Splinder. E mi sono detta: cavolo se l’ha fatto lui, lo posso fare anche io!

Il mio primo vero blog è nato nei giorni successivi, una sera in fondo ad una giornata inconcludente e passata a sprecar tempo, che ho cercato di risollevare creando qualcosa di nuovo, un nuovo impegno, un nuovo progetto, un esperimento, un perchè no? Il giorno prima era nata la bambina dei miei amici Francesco ed Eleonora, e la sua nascita ha decisamente influito sulla nascita del mio blog. Diciamo che ero in quel mood.”

seguiranno altri link e dettagliucoli (forse)

[tags]primo blog, primopost, essere blogger, quando nasce un blog[/tags]



Sites for the fashion minded


La mia amica Sara deve aver notato la mia curiosità verso il mondo della moda online perchè oggi mi ha segnalato questo bel post di Mashable: 25+ Sites for the fashion minded. Pensiero molto molto gradito! Vi racconto quello che ho scoperto e cosa mi è piaciuto.

l’evoluzione della rivista Burda che anni fa mia mamma comprava prima di Carnevale per trovare i cartamodelli sui quali creare il mio abito di Carnevale (2 volte pagliaccio, 1 volta “Principessa”). Il sito ha lo stesso principio, condividere le risorse dedicate al taglia&cuci: videoguide, l’enciclopedia del cucito, le foto degli utenti ecc…
mia mamma ha ancora la macchina da cucire, ma ormai la usa solo per rifare gli orli dei pantaloni e poche altre cose, le è passata l’ispirazione. ma se vedesse questo sito, chissà…

un sito semplice e bellissimo che seguivo mesi fa e poi chissà perchè avevo perso di vista. foto e link selezionatissimi ed esposti a “catalogo”. dà dipendenza.

divertente! è come il Gira la moda: si ha una sorta di lavagna nella quale inserire gli abiti scelti da svariati shop online e combinarli insieme con fantasia. io ad esempio ho creato questo abbinamento

inga_polivore.jpg

Non ho trovato maglioni e cappotti su questo sito. Mah. Sono sempre più basita. Vabeh il global warming e la mia famosa indole freddolosa ma cavolo è novembre, vi pare il caso di uscire a mezze maniche?

un sito fantastico, il motore di ricerca dei sogni! Non trovi in giro dei jeans che ti stiano bene? non importa, basta indicare le proprie misure e scegliere l’effetto desiderato e dopo una procedura di selezione molto accurata vengono proposti dei prodotti in vendita in vari siti affiliati che dovrebbero corrispondere proprio al jeans\pantalone\reggiseno dei sogni. Ho fatto la prova cercando un reggiseno adatto al mio florido davanzale e zafu mi ha proposto ben 40 articoli. Ancora devo verificare però quali negozi spediscano anche in Italia (solito problema…).

Il mio viaggio tra i link di mashable termina qui. Molti siti segnalati non mi hanno colpita particolarmente oppure li conoscevo già. La maggior parte, anche se non ho approfondito, mi sono sembrati inglesi. E allora ho pensato: quali siti, negozi o servizi dedicati alla moda abbiamo in Italia oltre a Yoox? mah. non mi viene in mente nient’altro di rilevante. Siamo proprio indietro anni luce.

[tags]shopping, abbigliamento, look, negozi online, lookbook[/tags]



Match di improvvisazione grafica al Creativity Day di Roma (20\11\07)


La mia adoratissima amica Dora mi ha scritto con una bella notizia, finalmente è riuscita a portare in Italia questo tipo di evento, ne parlammo qualche mese fa davanti ad un aperitivo (mi sembra ieri!) e presto il suo piccolo sogno diventerà realtà!

Ora vi spiego meglio.

Avete presente i match di improvvisazione teatrale vero? Siii oramai sono famosi, li trasmettevano anche in TV. Bene, l’idea è di mettere nel ring una coppia di grafici (detti anche fotoscioppari) che, tirato a sorte un tema, diano vita ad prodotto grafico, lasciatemelo dire ACCATTIVANTE, in soli 20 minuti e davanti al pubblico che nel mentre si può ascoltare il djset, bersi una birra e broccolare qualche tipa perchè no.

Allora vi piace?

Per iscriversi rimane purtroppo pochissimo tempo, le iscrizioni si chiudono il 10 novembre. Mentre i match saranno ospitati live al Creativity Day il 20 novembre 2007 al Crowne Plaza di Roma.

[tags]creativity day, match, grafica, grafici, improvvisazione, creativityday[/tags]



Lo voglio grosso così


80 centimetri di Toblerone mi sembrano una misura sufficiente a placare gli sbalzi ormonali del momento.

Un po’ scomodo da portare a casa, certo. Ma con un carrellino a due ruote per la spesa hai risolto il problema.

update: e come mi fate notare nei commenti, allontana i malintenzionati! 

[tags]mestruazioni for dummies, PMS, toblerone, cioccolato, disperazione, carboidrati[/tags]



Io non posso entrare (machemmefrega)


cane_sma.jpg

Un cane bello spaparanzato e pacifico indifferente ai passanti, all’ingresso della SMA. Con quell’atteggiamento lì da guagliuncello…
“ma si dai vai a fare la spesa vah. tanto a me chemmenefrega stò qua, me metto tranquillo, nun rompo i cojoni a nessuno e la gente me dice pure che ‘sò bello”

(credits to mrPanino)

la foto più grande.

[tags]supermercato, sma, cane, attesa, relax[/tags]



Elvive mi fa 1 regalo e FrizziFrizzi 3


Vivo nella nuova casa da 10 mesi e oltre ai volantini del Lidl, delle pizzerie e agenzie immobiliari della zona non mi era mai arrivata nessuna lettera. Non una cartolina, non una bella lettera d’amore vecchio stile, manco una bolletta. Ah no quelle Fastweb per un po’ sono arrivate poi sono passata alla bolletta in pdf via email (PERCHE’ CI TENGO A QUESTO PIANETA IO… vabè è un piccolo gesto.. ma è cmq utile, no?)

Insomma mi sono registrata a tutti i siti e concorsi possibili e immaginabili lasciando anche i dati del mio girovita se richiesti, nella speranza di tornare a casa una sera e… trovare qualcosa nella cassetta delle lettere.

E ieri sera è successo!
Tra l’altro piccola nota di colore ho pure fatto la figura dell’impedita con una vicina di casa perchè ho aperto lo sportellino della cassetta della posta ed è caduto tutto per terra. Così mentre raccoglievo il catalogo di Euronics, la pubblicità di ING direct (ODIOSA! con la busta bislunga e pesante. per cosa? non l’ho voluto scoprire: è finita nel riciclo immediatamente) e il menu del pizzaiolo arabo Rimon, c’era una bustina marrone imbottita senza indicazione del mittente, ma con il mio indirizzo stampato automaticamente sull’etichetta.

Sono corsa in casa tastando la busta e nello stesso tempo cercando di trattenermi per prolungare la sorpresa. In quelle frazioni di secondo ho sperato che fosse il premio per un concorso oppure un regalo (ancora!?) da mrPanino o un\a amico\a e\o parente… e invece era questo:dsc02726.JPG

un sampler di shampoo antiforfora Elvive che avevo richiesto qualche settimana fa dal loro sito dopo aver visto una bella DEM (vedete che funzionano? tzk).

Perchè l’avevo fatto se nè io nè mrPanino soffriamo di forfora?
Perchè, visto che oltretutto non amiamo particolarmente i prodotti Elvive?

C’è scritto nelle prime righe… per ricevere posta!

Poi, a conferma della teoria secondo la quale le cose belle (così come le sfighe) ti arrivano tutte in una botta, stamattina sulla scrivania ho trovato la busta che mi ha mandato Simone di FrizziFrizzi contenente Shoppermag, Stirato e Busta. Tre magazine forse troppo fichi, troppo design, troppo yeah per me. Mi sento una vecchiaccia fuori dal giro. Tremendamente belli.

dsc02727.JPG

[tags]elvive, shampoo, sampler, posta, campioncino, shoppermag, frizzifrizzi, stirato, busta[/tags]



Anobiisti sotto la pioggia


La scenetta che vi vado raccontando è di quelle che capitano nei film, più spesso nei telefilm, quelli simpatici mi viene in mente “Friends”, ma io l’ho vissuta mercoledì sera.

Esce dall’ufficio di corsa perchè deve assolutamente prendere quel treno. Fuori il diluvio universale. Il suo caro ombrello è rimasto al dodicesimo piano e ormai è troppo rischioso tornare a recuperarlo. Non ci sono pensiline, nè terrazzi o portici sotto i quali ripararsi un po’: è costretto ad inzupparsi il suo bel abito color prugna. Io e Lalla aspettiamo l’autobus e ancora non ci siamo lasciate andare a scene di addio strappalacrime. Notiamo un tipo senza ombrello e sapendo come funziona il karma timidamente gli offriamo un po’ di riparo. Lui accetta. Conversiamo un pochino poi l’autobus arriva. “Che situazione simpatica, stasera la bloggo!” pensa.

dsc02697.JPG

Anzi in realtà lo dice a voce alta e noi due ci facciamo una risata. Chiacchieriamo ancora un po’ di blog e cosette internettiane e scopriamo che lui è un aNobii addicted, di più, ha fondato il gruppo Anobiismo per tutti i patiti come lui. Ma ecco la fermata di Lalla. Non c’è tempo per i discorsi, un abbraccio e la promessa di vedersi presto. Qualche chiacchiera ancora e poi la fermata per stazione Centrale. “Ciao”. Ciao, ci vediamo su anobii :)

[tags]anobii, anobiismo, pioggia, incontri[/tags]



Reclusa


Non bastava aver passato (quasi tutto) il week end in casa sul divano a prendere pastiglie e soffiarmi il naso, no ci voleva un’adeguata ciliegina per guarnire questa torta di mezzedisgrazie.

Sono chiusa in casa.

MrPanino ha per sbaglio infilato le mie chiavi nella sua borsa e le sta portando a fare un giretto a Torino.

Impossibile uscire se non passando acrobaticamente dal terrazzo alle scale esterne, oppure con il vecchio metodo del lenzuolo calato dalla finestra. Ma si sa che io non sono un tipo atletico.

Quindi ora mi toglierò le scarpe e la camicia e mi rimetterò la felpa da casa.

E attenderò, sospirando, che arrivi il mio bel principe sbadatino a liberarmi.

il micio è di valtaro 



Lo sai fare un origami?


Qui in ufficio ci stiamo provando da mezz’ora ma ancora non siamo riusciti ad ottenere il risultato sperato.
Forse abbiamo sbagliato qualche passaggio?

il video è di albicoccoalcuraro

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Switch to our mobile site